Cosa sono gli ausili di contenzione e quando servono?

1. In quali ambiti si usa la contenzione

Gli ausili di contenzione si usano sia in ambito sanitario (ospedaliero, strutture sanitarie, rsa) che privato. Nella maggior parte dei casi gli ausili di contenzione vengono usati

  • per anziani con disabilità nelle attività di base della vita quotidiana
  • per pazienti con deterioramento cognitivo
  • per pazienti con disturbi del comportamento
  • per pazienti a rischio di caduta

2. Cosa sono gli ausili di contenzione

Gli ausili di contenzione sono dei prodotti medicali che servono per “contenere” o meglio stabilizzare un paziente che non deve muoversi. La necessità di rimanere fermi può essere dettata da motivi clinici, quali un intervento o assistenziali. Nel caso dell’anziano spesso si ricorre agli ausili per evitare che cada (dal letto, se allettato, da una carrozzina durante gli spostamenti).

E’ importante che questi dispositivi raggiungano lo scopo di stabilizzare il paziente abbiamo detto ma tutto questo non deve compromettere il comfort del paziente stesso. Oltre ad essere efficace e confortevole la contenzione deve infatti anche essere sicura per paziente ed operatori. Il paziente si deve sentire sicuro e non “imprigionato”!

3. Tipologie di dispositivi

Abbiano detto che l’obiettivo è quello di stabilizzare il paziente. Il dispositivo deve essere un aiuto non una costrizione. Il paziente può essere sia allettato che su carrozzina. Esistono quindi cinture di contenzione per letto e cinture di contenzione per carrozzina.

Le cinture di contenzione per letto possono essere in materiali diversi. Eurotex propone cinture di contenzione per letto in cotone, cinture di contenzione letto in poliestere e cinture di contenzione letto in polipropilene. Le cinture di contenzione sono regolabili quindi stabilizzano il paziente ma permettono una mobilità residua che garantisce minimi cambiamenti posturali.

Accanto alle cinture di contenzione per letto troviamo anche polsiere e cavigliere. La cavigliera per letto è indicata quando serve limitare i movimenti delle caviglie. La polsiera è indicata quando si vogliono evitare movimenti inappropriati da parte del paziente.

Ci sono poi le cinture di contenzione per carrozzina. In questo caso il dispositivo evita rischi di caduta del paziente durante il trasferimento e nello stesso tempo lo aiuta a mantenere una postura corretta impedendogli di scivolare in avanti.

Quando parliamo di cinture di contenzione per carrozzina Eurotex propone la cintura addominale, la cintura di fissaggio per il tronco, la cintura di fissaggio tronco-perineale, la cintura di fissaggio toracico a X ed infine la cintura transfer. Questa è usata dal personale sanitario per trasferire con più facilità il paziente da e per la carrozzina.

4. Quali caratteristiche devono avere gli ausili di contenzione

Trovarsi a scegliere a un dispositivo di contenzione, può essere difficile anche per gli addetti ai lavori.

E’ importante affidarsi ad aziende professioniste che offrano un prodotto di qualità che rispetti tutti gli standard di sicurezza e conformità richiesti (dai materiali, alle chiusure).

Il prodotto deve garantire la contenzione del paziente senza provocare lesioni e dove possibile senza farlo sentire troppo costretto. La cintura di contenzione deve essere regolabile e dove possibile essere disponibile in taglie diverse a seconda della corporatura del paziente.

Deve essere sicuro, sia per il paziente che per l’operatore. Gli ausili di contenzione devono essere facili da utilizzare per l’operatore, le chiusure devo essere pratiche, sicure e ancora una volta confortevoli.

In relata sono poche e semplici le caratteristiche che devono avere gli ausili di contenzione per essere validi. Affidarsi ad un partener professionale aiuterà a fare la scelta giusta al sicura da spiacevoli sorprese.